Selezione del personale: come capire le VERE esigenze del tuo cliente interno

Se sei un HR o ti occupi di Selezione, anche saltuariamente, per la tua azienda potresti riconoscerti in questo articolo. Concorderai con me che, agli occhi dei tuoi colleghi, spesso i confini del tuo ruolo siano molto sfumati e più di qualche volta ti sarai trovato a dover gestire delle richieste molto fantasiose o addirittura strampalate dei tuoi colleghi responsabili di funzione. In questi casi, come un interprete simultaneo, ti sarai trovato a dover tradurre quello che ti veniva chiesto in un linguaggio più “tecnico” e a dover capire quali fossero le vere esigenze del tuo cliente interno.

Bella sfida, davvero! Proverò qui di seguito a fornirti qualche idea per uscire dall’angolo in cui ti puoi venir a trovare. Forse non hai mai pensato che il consulente a cui ti appoggi per le selezioni potrebbe essere un alleato molto prezioso per “tenere a bada” i tuoi indisciplinati colleghi!

C’è un modo per poter capire le vere esigenze del tuo referente interno?

Mi è capitato spesso di ascoltare e supportare dei Responsabili del Personale sconfortati dalle richieste dei loro referenti di funzione e a sbottare con frasi del tipo: ” che se lo cerchi lui, allora!”.

Nella storia che sto per raccontarti i personaggi sono di pura fantasia e sicuramente li troverai descritti in modo un po’ grottesco, mi perdonerai ma è solo per estremizzare un po’ il concetto e per intenderci sul nocciolo della questione.

L’incredibile storia della lotta tra il Dott. Bianchi e l’Ing. Verdi

Il rituale è spesso questo. Chi si occupa di risorse umane in azienda, che per semplicità chiameremo Dott. Bianchi, è spesso anche la figura di riferimento, il padre confessore, l’intercettatore dei problemi, la calamita delle lamentele. E’ proprio così. Quando un Direttore Tecnico è scontento del suo team e vorrebbe inserire una nuova risorsa andrà da Lui. Quando il Responsabile Amministrativo è oberato di lavoro e ha bisogno di un nuovo assistente/collaboratore, da chi andrà secondo te? In primis non dal titolare o dall’Amministratore Delegato ma dal nostro Dott. Bianchi.

Ovviamente ci andrà anche quando dovrà batter cassa e chiedere un aumento o per esporre i suoi problemi personali….. ma questo è un altro discorso!

Ahia! Mi si è dimesso il Lean Manager!

Immagina che il Direttore di Stabilimento, che chiameremo Ing. Verdi, faccia irruzione nell’ufficio di Bianchi perché il suo Lean Manager ha dato le dimissioni e che sia molto spazientito. Oberato dai suoi incarichi, preoccupato per i progetti avviati e da avviare ed ormai in preda all’ansia per l’improvvisa “dipartita”, non sarà molto esaustivo nella definizione del profilo da ricercare e magari chiederà che il nuovo assunto abbia caratteristiche opposte al precedente, solo perché ora non gli va più a genio.

Il povero Dott. Bianchi proverà a carpire le informazioni necessarie e cercherà di far presenti a Verdi le incongruenze di quel che sta chiedendo ma non troverà facilmente disponibilità dall’altra parte, soprattutto in quei molti casi in cui il “peso” dei due ruoli è fortemente sbilanciato a favore della figura tecnica in azienda.

E allora? Andrà un po’ a tentativi, considererà lo storico relativamente a quel ruolo e proverà a far riflettere l’ing. Verdi su alcune criticità che non consentono alla loro azienda di essere particolarmente appetibile per i migliori candidati sul mercato. Ce la farà Bianchi a far passare il messaggio?

Dopo estenuante conversazione con l’ing. Verdi, che nel frattempo sarà rientrato di corsa in produzione, il nostro eroe, un po’ sfiduciato ma armato di capacità di problem solving, contatta una o più società di selezione ed espone la sua esigenza senza essere troppo dettagliato e senza palesare le sue stesse perplessità…. per non far venire il sospetto al consulente che stia per misurarsi con una “mission impossible”!

Se il profilo da ricercare può essere sia junior che senior, se manca un’idea della retribuzione lorda, se non ci sono delle competenze prioritarie rispetto alle altre, significa che ci si muoverà per tentativi.

Qualche settimana dopo…..

Ad ogni modo, Bianchi raccoglierà le prime candidature e farà i primi colloqui passando i migliori al secondo step con il Direttore di Stabilimento, che vedrà la rosa dei cv e si renderà conto che non corrisponde proprio alle sue necessità. A questo punto Verdi, che si sarà un po’ calmato, riuscirà magari a fare una riflessione più puntuale e potrebbe essere persino disponibile ad ascoltare qualche consiglio del collega Bianchi. I curricula troppo junior e quelli troppo senior verranno scartati e anche quelli che non conoscono il TPM. Il nostro Dott. Bianchi, che avrà solo l’amara consolazione di veder confermate le sue perplessità iniziali, dovrà ricominciare il lavoro da capo sotto le pressioni ancor più insistenti dell’Ing. Verdi e magari anche del titolare o AD.

L’ansia sarà la sua compagna di viaggio finchè non avrà accontentato tutti i suoi referenti.  Il tempo sarà molto tiranno con Lui, quindi solleciterà le società di selezione a fornirgli dei profili in tempi stretti con le nuove caratteristiche. Ovviamente il tempo sprecato fino a quel momento dal Dott. Bianchi e dalle società di selezione sarà un costo da non sottovalutare per l’azienda….

Abbiamo una notizia buona ed una cattiva!

La brutta notizia e che noi che ci occupiamo di selezione comprendiamo perfettamente quando dall’altra parte non c’è chiarezza e quando si sente una certa puzza di bruciato, solo che a volte per non perdere il cliente o nella speranza di cavarcela in qualche modo non manifestiamo apertamente le nostre perplessità….. Ma guai comunque saranno!

Memori di questa situazione e di molte altre che abbiamo vissuto e poi analizzato abbiamo deciso di “estirpare” la difficoltà nella comprensione delle reali esigenze del cliente interno, sviluppando un protocollo d’indagine di nostra proprietà che abbiamo chiamato Job Rendering. Con questo metodo riusciamo a capire in modo chiaro il profilo da ricercare mettendo d’accordo tutti i decisori aziendali. I nostri referenti del personale possono finalmente dormire sonni tranquilli perchè i vari Ing. Verdi con il Job Rendering li mettiamo con le spalle al muro!

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *